Intervista con gli architetti di Planstudio Pederiva

Thomas Pederiva
Alex Pederiva

Le stanze da bagno di un hotel: sviluppo, significato e trend attuali

Come si è evoluta nel tempo l’importanza della stanza da bagno negli hotel?
Negli ultimi cinquant’anni la classica “stanza da bagno dell’hotel” ha subito profondi cambiamenti: negli Anni Settanta il bagno e il WC erano al piano. A poco a poco ogni camera ha cominciato ad avere un proprio “locale adibito a servizi”, termine peraltro molto calzante poiché lavabo, WC, vasca o doccia e, talvolta, bidet venivano stipati in una stanza angusta e senza finestre. Negli Anni Ottanta e Novanta si è cominciato a prestare sempre più attenzione alla stanza da bagno fino a raggiungere l’apice ai giorni nostri. In poche parole possiamo dire che il bagno si è trasformato da mera stanza funzionale a stanza del relax fino ad autentica oasi del benessere.

Quali desideri e richieste avanza l’ospite di oggi?
Gli standard richiesti dalla maggior parte degli ospiti alle stanze di hotel a 3, 4 e 5 stelle sono piuttosto elevati. L’effetto benessere e il fattore straordinario non possono mancare e devono essere inseriti in uno scenario architettonico che lasci l’ospite a bocca aperta, tanto più che ormai anche la stanza da bagno a casa è divenuta una componente fondamentale dello spazio abitativo e ne aumenta esponenzialmente il comfort.

Cosa deve possedere una stanza da bagno per entusiasmare l’ospite?
Una fonte di luce naturale è ovviamente un grande punto di vantaggio. Non sarebbe male neanche se il WC fosse in un ambiente separato.
I trend più attuali parlano di effetto wow in presenza di insonorizzazione, integrazione del televisore nello specchio, giochi di colori e profumi durante la doccia, doccia di sole, vasca con vista panoramica e naturalmente SPA privata con sauna o idromassaggio sul balcone.

Vasca o doccia: qual è la preferita?
Le correnti di pensiero, a questo proposito, si dividono. La doccia, che deve essere assolutamente spaziosa, è privilegiata in estate poiché soddisfa la necessità di un’igiene più rapida e frequente. La vasca da bagno, che nel frattempo si è evoluta a luogo di relax, è molto più gradita se il bagno di casa ne è sprovvisto. Ciò che non si ha nella quotidianità, infatti, viene apprezzato ancora di più in vacanza. Le suite più esclusive mettono ormai a disposizione sia doccia che vasca. Quando quest’ultima si trova al centro del balcone e gode di vista panoramica e idromassaggio allora la sensazione di benessere offerta dalla camera è davvero perfetta.

Stanza da bagno aperta: sì o no?
Le stanze da bagno aperte sembrano più ampie e godono di più sorgenti luminose, questo gli ospiti lo apprezzano. Il bagno, però, rimane una sfera privata molto importante: quantomeno il WC dovrebbe essere appartato e l’interno della doccia protetto da sguardi indiscreti. Consigliamo di realizzare sempre alcune unità abitative con stanze da bagno chiuse.

Legno, pietra naturale o piastrelle?
Il legno conferisce alla stanza calore e quel tocco naturale che non guasta mai. La pietra naturale è elegante e nobilita l’ambiente. La piastrella, variabile e molto semplice da pulire, è sicuramente quella meglio utilizzabile nel settore alberghiero. Nel nostro settore si utilizzano tutti e tre i materiali a seconda del progetto. La pietra naturale deve essere trattata affinché non si macchi con i prodotti detergenti o cosmetici. Il legno è un materiale naturale di grande impatto estetico che, però, se impiegato in zone umide come il pavimento o il lavabo, va laccato e trattato per difenderlo dagli schizzi d’acqua e impedire la formazione di macchie. Le piastrelle sono un meraviglioso compromesso tra estetica e semplicità di pulizia.

A cosa prestate maggiore attenzione in fase di progettazione?
Libertà di movimento all’interno della stanza, un piacevole getto d’acqua dal soffione della doccia, semplice utilizzo della rubinetteria e facilità di pulizia sono fattori molto importanti. Nella zona del WC è indispensabile la sfera privata affinché l’ospite possa stare tranquillo e godere della massima intimità. Prestiamo grande attenzione, inoltre, affinché la stanza sia illuminata in modo ottimale, i sanitari abbiano una forma gradevole e vengano impiegati materiali pregiati.

Le suite più esclusive mettono ormai a disposizione sia doccia che vasca.
Interview: Dr. Christiane Warasin 
Foto: Meraner & Hauser, Foto Atelier Wolkersdorfer