Intervista con l'albergatore Daniel Vikoler

Quando il protagonista è un antico maso

Avete rinnovato il maso Thunisch del XII secolo, uno degli edifici più antichi di Gudon, e lo avete rilanciato sulla scena trasformato nei Thunish Design Appartements. Quali difficoltà avete incontrato, soprattutto in fatto di stanze da bagno?
Questo edificio del XII secolo, appartenente al patrimonio storico e artistico, non possiede un solo pavimento o muro che sia ben livellato. Questa è stata già di per sé una grande sfida. Ma visto che nell’antico maso abbiamo ricavato 5 appartamenti, abbiamo anche dovuto creare i conseguenti allacci per l’acqua e per lo scarico. Molte soluzioni si sono rivelate delicate ed è stato necessario scendere a compromessi. Come spesso accade quando si adatta un edificio esistente, ogni ambiente è diverso dall’altro e così ogni stanza da bagno è stata progettata e allestita individualmente.

Quale filosofia ha guidato il concepimento delle stanze da bagno?
Come del resto in tutto l’edificio, anche nelle stanze da bagno abbiamo voluto mantenere la simbiosi tra antiche pareti e travi ed elementi di design moderno. Ceramiche sanitarie, rubinetteria, mobili e accessori: ogni elemento è stato scelto con grande consapevolezza. La trasparenza, offerta dai soggiorni, si prolunga nelle stanze da bagno: lavabi in vetro, divisorie in vetro delle docce. Tutti i mobili della casa “fluttuano” a mezz’aria, e così anche il lavabo in bagno. Il sifone è a vista e, quindi, deve prendere parte anche lui alla resa estetica dell’ambiente. Ci siamo anche impegnati molto a “ridurre”: riduzione dei materiali, minimalismo tra le rubinetterie e gli accessori.

Quali altre particolarità hanno le vostre stanze da bagno?
In tutte le stanze da bagno abbiamo utilizzato la Pietra naturale Piasentina che sbaraglia su tutta la linea dal punto di vista estetico e tattile. Solo per quanto riguarda la pulizia è un pochino più esigente, ma ne eravamo pienamente consapevoli. All’inizio l’abbiamo lasciata al naturale, ma adesso la trattiamo con olio al fine di evitare la formazione di macchie. Due appartamenti in particolare affascinano con la vasca a centro stanza che accentra su di sé gli sguardi di chi entra. L’apprezzamento generale non è solo estetico, ma anche funzionale: nessun ospite si lascia scappare un bagno rilassante.

Cosa vi sentite di suggerire agli altri albergatori?
Il nostro consiglio: cercare con coraggio di creare qualcosa di speciale, anche nella stanza da bagno. Ci ha sorpreso scoprire quante possibilità ci sono e quanto è vasta la scelta di prodotti. Entrate in quest’ottica e scoprirete un mondo nuovo e assolutamente affascinante.

Il nostro consiglio: cercare con coraggio di creare qualcosa di speciale, anche nella stanza da bagno.
Interview: Dr. Christiane Warasin 
Foto: Angelika Schwarz